home  

 ACQUISIRE LA CITTADINANZA ITALIANA (istruzioni per l'uso)

 Tutto quello che devi sapere per diventare italiano senza sprecare tempo e denaro!

   

  COME SI ACQUISISCE LA CITTADINANZA ITALIANA

 

  E' cittadino italiano il figlio di padre o di madre italiana (jus sanguinis). La legge italiana non prevede,

  a differenza di altri stati (tra i quali gli Stati Uniti) il diritto di cittadinanza se si nasce sul proprio

  territorio (jus soli).

 

  Ai cittadini stranieri tuttavia la cittadinanza puo' essere concessa per:

 

  - Matrimonio  con cittadino/a italiano/a;

  - Residenza sul territorio italiano. 

                                         

 

  CITTADINANZA PER MATRIMONIO

 

  Puo' fare la richiesta di cittadinanza per matrimonio lo straniero coniugato con cittadino/a italiano/a con

  almeno due anni di residenza legale in Italia dopo il matrimonio e dopo l'avvenuta iscrizione anagrafica

  in un Comune italiano oppure dalla data di giuramento del coniuge naturalizzato cittadino italiano.

  E' bene ricordare che se il matrimonio è stato celebrato all'estero, e' indispensabile effettuare la trascrizione

  nel Comune di residenza. Il termine di due anni e' ridotto a un anno se dai coniugi sono nati o sono stati

  adottati figli. Se infine la coppia e' residente all'estero la domanda puo' essere presentata dopo tre anni

  dalla data del matrimonio (o meglio dalla data di trascrizione dell'avvenuto matrimonio presso il comune

  italiano di residenza). Il termine e' ridotto a 18 mesi se dai coniugi sono nati o adottati figli.

 

  Al momento dell'adozione del decreto di concessione della cittadinanza non deve essere intervenuto lo

  scioglimento, l'annullamento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio e non deve sussistere

  la separazione personale dei coniugi.

 

  La concessione di cittadinanza italiana per matrimonio e' regolamentata dalla legge n. 91, art. 5 del

  5 febbraio 1992. La domanda va presentata alla Prefettura di residenza in Italia o presso la competente

  Autorita' Diplomatica Italiana se residente all'estero.

 

  I moduli necessari e l'elenco dei documenti richiesti sono scaricabili qui.

 

  CITTADINANZA PER RESIDENZA

 

  Puo' fare la richiesta di cittadinanza per residenza:

 

  - Lo straniero non comunitario che risiede legalmente da almeno 10 anni nel territorio italiano;

  - Il cittadino di uno Stato membro dell'Unione europea se risiede legalmente da almeno quattro anni nel

    territorio italiano;

  - L'apolide e il rifugiato politico che risiedono legalmente da almeno 5 anni nel territorio italiano;

  - Lo straniero del quale il padre o la madre o uno degli ascendenti in linea retta di secondo grado sono stati

    cittadini per nascita, o che è nato nel territorio della Repubblica e, in entrambi i casi, vi risiede legalmente

    da almeno 3 anni;

  - Lo straniero maggiorenne adottato da cittadino italiano che risiede legalmente nel territorio italiano da

    almeno 5 anni successivamente all'adozione;

  - Lo straniero che ha prestato servizio, anche all'estero, per almeno 5 anni alle dipendenze dello Stato

    Italiano;

  - Figlio maggiorenne (nato all'estero) di straniero naturalizzato se risiede legalmente da 5 anni

    successivamente alla data di naturalizzazione del genitore.

 

  La concessione di cittadinanza italiana per residenza e' regolamentata dalla legge n. 91, art. 9 del

  5 febbraio 1992. La domanda va presentata alla Prefettura di residenza in Italia.

 

  I moduli necessari e l'elenco dei documenti richiesti sono reperibili cliccando qui.

 

  Per maggiori informazioni su questo punto, scrivi una e-mail a info@iessegi.net.